E quindi uscimmo a riveder le stelle…

A riveder le stelle_promo  

Sabato 9 gennaio ore 21:00_Canale youtube SCENE

salimmo sù, el primo e io secondo, 
tanto ch’i’ vidi de le cose belle 
che porta ’l ciel, per un pertugio tondo. 

E quindi uscimmo a riveder le stelle.
(Inferno, Canto XXXIV)

Il promo

Elisabetta Bosio (violino) e Saulo Lucci (voce recitante) ci offrono un assaggio di quello che sarà “A riveder le stelle”, produzione originale di Borgate dal Vivo che avrebbe dovuto inaugurare, sul palco del Teatro Fassino di Avigliana, la Stagione live SCENE 2020/2021.
“Lavoriamo per tornare” sotto i riflettori, di fronte al nostro pubblico, nei spazi deputati allo spettacolo, in quei luoghi oggi vuoti, da abitare e riempire nuovamente. Nel frattempo, proprio il 9 gennaio 2021 alle ore 21.00 riproponiamo la messa in scena di quell’ultimo canto della Divina Commedia che ha aperto, dopo i lunghi mesi di emergenza sanitaria, la quinta edizione del Borgate dal Vivo Festival presso la Sacra di San Michele (giugno 2020): un segno di rinascita, che sembra portare inciso su di sè uno tra i versi più celebri e attuali della letteratura italiana.
“E quindi uscimmo a riveder le stelle”.

Vai alla diretta youtube
———-

Lo spettacolo

La Commedia, (solo in seguito definita “Divina”), non è un testo di teatro; e come fare allora a metterla in scena? Le risposte a questa domanda possono essere le più svariate, come pure i temi da affrontare, data la vastità e la ricchezza del testo dantesco. La nostra scelta è stata di pensare a uno spettacolo di narrazione che raccontasse uno spaccato del viaggio oltremondano, passando attraverso le tre porte infernali. A condurci in questo straordinario viaggio ci sarà l’attore e musicista torinese Saulo Lucci che da ormai sei anni si dedica quasi esclusivamente a spettacoli in cui racconta i canti della Divina Commedia, accompagnandoli con l’esecuzione di brani musicali pop-rock che in qualche inaspettata maniera siano collegati con il testo trecentesco, creando un sorprendente trait-d’union tra due periodi storici distanti settecento anni. In questo spettacolo sarà sostenuto da musicisti d’eccezione: Elisabetta Bosio al violino, Cosimo Nola alla batteria e Alessandro Verando al basso, che renderanno l’Inferno ancora più rock.