Appuntamenti

Nov
18
Dom
Paolo Conte Chamber Music – Trio Debussy @ Maison Musique
Nov 18@17:30

Trio Debussy

Antonio Valentino

pianoforte

Piergiorgio Rosso

violino

Francesca Gosio

violoncello

con

Massimo Pitzianti

fisarmonica

Pierre Steeve Jino Touche

contrabbasso

Riccardo Balbinutti

percussioni

Musiche di Paolo Conte

 


PAOLO CONTE CHAMBRE MUSIC
Confusion mental fin de siècle
Un’inaugurazione di stagione esclusiva come lo sono i brani che Paolo Conte ha scritto per l’acclamata formazione torinese, il Trio Debussy, accompagnato a sua volta degli stessi musicisti dell’Avvocato astigiano, Massimo Pitzianti alla fisarmonica, Pierre Steeve Jino Touche al contrabbasso e Riccardo Balbinutti alle percussioni. Un esperimento musicale unico nel suo genere. Uno dei più amati cantautori italiani dimostra la sua natura di musicista a tutto tondo.

 


“Se per la mia musica vale sempre la mia vecchia definizione, che tanto era piaciuta ai francesi, di Confusion mentale fin de siècle, il Trio Debussy e i suoi ospiti ci sguazzino dentro come pesci felici, portando ordine e disordine, spruzzi e cavalloni”
Paolo Conte

 

Nov
24
Sab
Quartet Gerhard @ Auditorium Istituto Musicale
Nov 24@21:00

Quartet Gerhard

Lluís Castán Cochs

violino

Judit Bardolet Vilaró

violino

Miquel Jordà Saún

viola

Jesús Miralles Roger

violoncello

Musiche di Beethoven, Haydn, Mozart

In collaborazione con Polincontri Classica

 


IN VIAGGIO CON BEETHOVEN
7 quartetti per 4 archi
Joseph Franz Maximilian von Lobkowitz (1772-1816) è stato uno dei mecenati di Beethoven. A lui furono dedicate la Terza, la Quinta e la Sesta Sinfonia e l’intera op. 18 formata da sei quartetti d’archi. Il Quartet Gerhard, giovane formazione catalana pluripremiata, ci propone il quinto di questi per il ciclo di Rivolimusica legato a Ludwig Van Beethoven. I quattro musicisti si cimenteranno altresì con il Quartetto n.2 op. 50 di Haydn, banco di prova per violoncellisti e con il quartetto K421 di Mozart, ad Haydn dedicato insieme ad altri cinque lavori, discesa atipica per il compositore viennese nella drammaticità, al punto da guadagnarsi dal Wiener Zeitung nel gennaio del 1797 la seguente demenziale recensione:
I suoi nuovi Quartetti sono troppo drogati. A lungo andare, quale palato riesce a tollerarli”
Con lo scorrere del tempo i quartetti dedicati ad Haydn di Mozart e l’op. 18 di Beethoven si sono attestati come capisaldi della scrittura quartettistica. Ascoltarli grazie al Quartet Gerhard è il valore aggiunto finale.

Dic
1
Sab
Akté – Racconti dal Mediterraneo @ Auditorium Istituto Musicale
Dic 1@21:00

Aktè

Elias Nardi

oud

Claudio Farinone

chitarra classica otto corde, chitarra baritona, chitarra flamenca

Fausto Beccalossi

fisarmonica

Max Pizio

clarinetto contrabbasso, sax soprano, percussioni

Roberto Accornero

voce recitante

Musiche di Nardi, La Manna, Farinone, Pizio, G. I. Gurdjieff, tradizionali macedoni e catalane.


IL VIAGGIATORE SCONTENTO
Racconti dal Mediterraneo
Aktê è una delle 12 Horae, le divinità greche legate allo scorrere del tempo. Custode del primo pomeriggio, legata al piacere del mangiare e del piacere stesso. Ma è anche il nome di questa singolare e inedita formazione che prende vita nel bacino del Mediterraneo, un territorio che non ha eguali nel mondo in quanto a pluralità e varietà di stili ed espressioni sonore. Il liuto arabo, la cui origine si perde nella notte dei tempi, la chitarra nelle sue diverse varianti di baritona, flamenca ed elettrica, la fisarmonica con le sue sonorità multiformi, l’originalità del clarinetto contrabbasso e l’espressività del sax, oltre ad alcune lievi incursioni di strumenti a percussione, danno vita a un suono originale e profondo, che vive di un dialogo intimo e serrato, sfruttando similitudini d’approccio e differenze di linguaggio.
Brani originali, reinvenzioni di musiche tradizionali di vari paesi, fino a inedite interpretazioni e improvvisazioni di musica antica. I protagonisti oscillano tra pagine scritte e codificate su pentagramma, alternandole a momenti d’improvvisazione, favorendo l’interazione e l’unicità di ogni singolo concerto accompagnato dalla voce recitante di Roberto Accornero conosciuto anche per la partecipazione, come attore, in molteplici film e serie tv (es.: Il maresciallo Rocca, 1993, Camera Cafè). Curiosità: se siete giovani e avete giocato a Call of Duty: Black Ops, la voce di John Fitzgerald Kennedy è la sua.

Dic
16
Dom
Alice (da Lewis Carroll) – Spettacolo per bambini @ Castello di Rivoli
Dic 16@17:00

Tecnologia Filosofica

presenta

Thuline Andreoni

Elena Valente

performer

Marco Amistadi

adattamento del soggetto originale, regia, musiche, live electronics

Coproduzione Unione Musicale Onlus e Tecnologia Filosofica

 

Alice è il viaggio straordinario compiuto in un mondo fantastico costellato di incontri, scoperte e mirabolanti avventure. Tratto dalle indimenticabili Alice’s Adventures in Wonderland di Lewis Carroll, diventa spettacolo di musica, danza e teatro adatto a bambini (e adulti!) di ogni età grazie all’adattamento, alle composizioni, alla regia di Marco Amistadi: l’universo magico e poetico nato dalla penna dell’eclettico scrittore inglese trova nuova vita sulla scena, attraverso giochi di prospettiva, usi fantasiosi di oggetti quotidiani e riprese insolite, con l’elemento del movimento che si inserisce aiutato dalle suggestioni di musica, video e recitazione.

Concerto replica per le scuole lunedì 17/12/2018

 

Dic
17
Lun
Alice (replica per le scuole) – Spettacolo per bambini @ Castello di Rivoli
Dic 17@10:00

Replica per le scuole dello spettacolo

Dic
22
Sab
’80 voglia di GNU @ Maison Musique
Dic 22@21:30

GnuQuartet

Raffaele Rebaudengo

viola

Francesca Rapetti

flauto

Roberto Izzo

violino

Stefano Cabrera

violoncello

Musiche dagli anni ’80

 


’80 VOGLIA DI GNU
Secondo un’antica leggenda africana, lo gnu sarebbe il risultato di un incrocio tra diverse specie animali. Anche il rarissimo Gnu italico è frutto di un curioso connubio tra variopinte esperienze. Il risultato è un animale da palco con il corpo da musicista classico, il cervello da jazzista e le zampe da rockettaro.
Viola, violino, flauto e violoncello che mescolano musica colta e musica moderna.
Gli Gnu Quartet nascono sotto la stella della P.F.M. al Teatro Nazionale di Milano, nel 2006. Da lì prende il via una serie ininterrotta di avventure televisive, preziose collaborazioni e progetti originali. Apparsi in Che tempo che fa, Quelli che il calcio, X Factor, Parla con me, Domenica in, Festival di Sanremo 2011, Venezia Jazz, MITO Settembre Musica, Festival del Mediterraneo, I Suoni delle Dolomiti, Primo Maggio. Hanno collaborato, tra gli altri, con Negramaro, Raphael Gualazzi, Zibba, Tiromancino, Antonio Diodato, Gino Paoli, Afterhours, Baustelle, Bloody Beetrots, Dolcenera, Niccolò Fabi, Giorgio Conte, Neri Marcoré. Malika Ayane, Nina Zilli, Antonella Ruggiero, Samuele Bersani.
Il Concerto di Natale per Rivolimusica

Gen
12
Sab
La Misteriosa Musica della Regina Loana @ Maison Musique
Gen 12@21:00


Gianluigi Trovesi

clarinetto/sax

Gianni Coscia

fisarmonica

 

un omaggio di Gianni Coscia all’amico fraterno Umberto Eco

In collaborazione con Perinaldo Festival 2018

 


LA MISTERIOSA MUSICA DELLA REGINA LOANA
Gianni Coscia, fisarmonicista alessandrino, è stato compagno di classe del concittadino Umberto Eco. Probabilmente erano gli anni in cui l’intellettuale italiano contemplava i mondi possibili attraverso la lettura di Salgari e si stava formando la personale mitologia fatta di oggetti di uso comune poi descritta meravigliosamente ne La misteriosa fiamma della regina Loana.
Il sodalizio di Coscia con Gianluigi Trovesi, clarinettista e sassofonista, gli ricordava qualcosa di molto simile, la possibilità di viaggiare idealmente attraverso culture, popoli e musiche stando fermi in un salotto o in una sala concerto. Ed è proprio questa la forza evocativa del duo, capace di sapersi trasformare in un’orchestra, chiusi gli occhi, e di far volare gli ascoltatori in angoli remoti del pianeta, mescolando tradizione e innovazione senza rendere il percorso cervellotico o pretenzioso.
Eco diceva che il duo sa comunicare a più livelli: uno alto, in cui è bellissimo perdersi nel riconoscere citazioni improbabili e temerarie, e uno popolare, in cui l’impatto con la musica di Trovesi e Coscia ci conduce attraverso tutti i “boschi narrativi” e musicali da loro esplorati.

Gen
20
Dom
PASTORE – Un progetto di Gianfranco Mura @ Castello di Rivoli
Gen 20@17:00

Gianfranco Mura

immagini

Raffaello Fusaro

testi e recitazione

Valentina Casula

canto originale

MAKIKA alias Carlo Spiga

Musiche originali, live electronics

 

Un progetto di Gianfranco Mura

reading-spettacolo di immagini, testi e musiche


PASTORE
Un progetto di Gianfranco Mura
Il progetto Pastore è un incontro di immagini, musica, scritti e recitazione. Un quadrato che racchiude le fotografie, settanta, di pastori sardi di diverse età, ritratti su sfondo bianco per conferire loro un’assolutezza metafisica, scattate sapientemente da Gianfranco Mura.
Le parole sono quelle di Raffaello Fusaro, ispirate dalle immagini di Mura che restituiscono l’idea stessa dell’atavicità dell’essere pastore, dalla Mauritania alla Barbagia, dalle steppe siberiane alla Patagonia, dalla Grecia antica alla periferia di New York.
La musica, creata da Makika, nome d’arte di Carlo Spiga, e da lui stesso eseguita dal vivo, crea la suggestione per questo viaggio affascinante attraverso il tempo e lo spazio.
A chiudere entro il perimetro del quadrato l’idea platonica di “Pastore”, ci aiuta la voce stupenda di Valentina Casula, titolare del Premio Maria Carta nel 2012, parigina d’adozione, raffinata interprete di world music, jazz e ricercatrice di sonorità popolari.

Gen
26
Sab
Omaggio a Leonard Bernstein @ Maison Musique
Gen 26@21:00

Emanuele Arciuli

Andrea Rebaudengo

due pianoforti

Musiche di Gershwin, Bernstein, Andres

 


Bernstein and beyond
Compositore, pianista, operatore culturale e divulgatore, direttore brillante di alcune tra le più celebri orchestre del mondo tra le quali la New York Philarmonic: il Leonard Bernstein che conosciamo rappresenta l’America del Jazz e del musical (celeberrimo il capitolo di “West Side Story” che ha legato indissolubilmente il suo nome a quello di Broadway) pur rimanendo fortemente legato al repertorio europeo come grande interprete di Beethoven, Schubert, Schumann e Haydn. A pochi mesi dal centenario della nascita (25 agosto 1918) di questo spirito avventuroso animato da amore profondo per la musica («La vita senza musica è impensabile, / La musica senza vita è teoria. / Per questo il mio contatto con la musica è un abbraccio totale» dichiarava nella poesia “Abbraccio Totale” il 10 novembre del ’67), Emanuele Arciuli e Andrea Rebaudengo si riuniscono in duo pianistico già consolidato su un nutrito repertorio che fonde musica americana e anglosassone di oggi e capolavori del novecento storico. Nasce “Bernstein and beyond” Un sentito tributo a quel Leonard Bernstein che fu anche scrittore, poeta, saggista, fine pensatore e attento osservatore dei tempi.

Feb
2
Sab
Amine et Hamza Quintet @ Auditorium Istituto Musicale
Feb 2@21:00

Amine et Hamza Quintet

Amine M’raihi

oud

Hamza M’raihi

kanoun

Baiju Bhatt

violino

Valentin Conus

sax

Prabhu Edouard

tabla


TUNISIA E INDIA
Fertile paradoxes
A dispetto della loro giovane età (nati rispettivamente nel 1986 e 1987) sono apparsi nei più prestigiosi teatri del mondo arabo: a Beirut, al Cairo, a Tunisi. Poi in Francia, in Russia, in Svizzera, in Germania.
Amine and Hamza M’raihi sono due giovani fratelli tunisini che hanno ottenuto il premio nazionale di oud, il liuto arabo, e kanoun, strumento a corde pizzicate come il salterio.
Il loro ultimo progetto, The Band Beyond Borders, il Gruppo Oltre i Confini, scava nelle armonie moderne, profondità dei sentimenti, nei grooves ipnotici e ingloba anche un clarinettista francese, un bassista polacco , un percussionista svedese.
Si propongono a Rivoli con un quintetto insieme al suonatore indiano di tabla Prabhu Edouard, al sassofonista svizzero Valentin Conus e al violinista indiano Baiju Bhatt.
Saranno reduci da un concerto alla Fenice di Venezia e si recheranno poi in India, in Corea de Sud, in Germania e in Francia. Una ottima ragione per non perderseli prima che finiscano Oltre i Confini.