Storia della musica

Durata: 28 lezioni collettive da 60 minuti.

Il corso è un’introduzione alla storia della musica, in relazione ai movimenti culturali, filosofici e artistici, sviluppatisi in area occidentale nel periodo tra il Barocco e il Novecento.
Con il supporto di video, ascolti e immagini, si delineeranno le più importanti figure della musica d’arte europea, collocandole nei rispettivi contesti storici.
Obiettivo del corso è quello di inquadrare periodi, generi e stili in una prospettiva culturale e antropologica, con uno sguardo al mondo degli strumenti musicali.

Per informazioni rivolgersi alla segreteria.

Mimmo Dario – fisarmonica, storia della musica

FISARMONICA
STORIA DELLA MUSICA
Per informazioni rivolgersi alla segreteria.

CURRICULUM
Dario Mimmo, nato nel 1983, ha studiato Etnomusicologia, Cinema e Multimedia presso il DAMS di Torino, dove ha conseguito la laurea magistrale col massimo dei voti.
Da fisarmonicista – e da suonatore appassionato di mandolino, bouzouki e chitarra -, ha maturato esperienza in vari generi musicali, soprattutto folk, pop, liscio, klezmer, e nell’accompagnamento di spettacoli teatrali e circensi. Ha collaborato sul palco e in studio con vari artisti dell’area torinese, tra cui Gigi Giancursi (2015-19), Provincia Italiana (2014-17), Linda & the Greenman (Greensongs, Mescal, 2015), Fra Diavolo (Brutti sogni intelligenti, Controrecords, 2014), Perturbazione (2010-11), Ossi Duri (L’ultimo dei miei cani, Electromantic, 2005). Scrive canzoni e ha fondato alcuni gruppi musicali: con uno di questi, i Tavernacustica, ha rappresentato la città di Rivoli a Kranij, Slovenia, nel 2008. Ha collaborato con la stagione concertistica Rivolimusica (London ensemble nel 2016, e Tavernacustica nel 2019). Si è classificato tra i 17 finalisti del concorso internazionale YouTube Symphony Orchestra 2011, con un’improvvisazione originale di fisarmonica.
Ha insegnato fisarmonica presso Atelier Teatro Fisico, nell’ambito di un percorso formativo per il teatro, e tastiere presso l’Associazione Insonora di Torino. Dal 2012 è docente di Fisarmonica presso la Scuola di Musica Città di Rivoli, dove ha contribuito a realizzare, con allievi e altri docenti, alla sonorizzazione dal vivo del film muto La guerra e il sogno di Momi (a cura del Museo Nazionale del Cinema di Torino, 2017), lo spettacolo “il solco della Memoria” (2019-20) e il ciclo “Di musica e di parole” (2019). Come docente di Etnomusicologia presso la Scuola di Musica di Rivoli, nel 2017 ha realizzato il progetto “La musica per capire gli altri”, per i ragazzi e i docenti del Liceo Darwin.
Appassionato di musica tradizionale e cultura popolare, ha collaborato con il gruppo di ricerca del Civico Museo del Paesaggio Sonoro di Riva presso Chieri (fondato dal M.° Domenico Torta e dal prof. Febo Guizzi), occupandosi di schedatura di strumenti musicali, oggetti sonori del territorio e materiale audiovisivo etnografico. Tra 2009 e 2010 ha svolto ricerche in Val di Susa sulla tradizione delle bandelle di fiati con repertorio da ballo, per la tesi in Antropologia della musica dal titolo Le bande e le squadre da ballo. I repertori tra “liscio” e tradizione.
I risultati di queste e altre ricerche sono confluiti nel saggio Piemonte: il ballo a palchetto (sulla balera “viaggiante” rotonda a tendone), pubblicato all’interno di Viaggio nella danza popolare in Italia – Itinerari di ricerca nel Centro Nord (Palombi, 2014), a cura da Noretta Nori e dell’etnocoreologa Placida Staro.
Dal 2018 insegna Storia della Musica presso l’Unitre di Rivoli.
Collabora inoltre con l’Istituto per i Beni Musicali in Piemonte al progetto di censimento dei fondi musicali piemontesi promosso da Regione Piemonte. In tale ambito ha svolto ricerche musicologiche soprattutto nel Monferrato e pubblicato numerosi articoli all’interno dei volumi Le fonti musicali in Piemonte III – Asti e provincia (LIM, 2011) e Le fonti musicali in Piemonte IV – Alessandria e provincia (LIM, 2014).
Dal 2012 al 2016 ha collaborato con il Dipartimento di Informatica dell’Università di Torino, in progetti di ricerca sull’uso delle ontologie semantiche per l’organizzazione della conoscenza in ambito audiovisivo e geoscientifico.