Direzione didattica

Filippo Bulfamante

Filippo Bulfamante

Filippo Bulfamante, musicista e didatta, direttore della Civica scuola di musica di Cesano Boscone (Milano) dal 2000 al 2005, della Civica scuola musicale “Riccardo Zandonai” di Rovereto (Trento) dal 2002 al 2014, direttore artistico del Festival Internazionale W.A. Mozart a Rovereto dal 2004 al 2008, consulente artistico del Festival Internazionale della Cultura di Bergamo nel 2011, dal 2017 è direttore della Scuola di Musica “Città di Rivoli” del Comune di Rivoli (Torino). Dopo la formazione musicale a Milano e il diploma in pianoforte conseguito sotto la guida di Eleonora Basile presso il Conservatorio “A. Vivaldi” di Alessandria, si perfeziona presso l’Accademia Internazionale Pianistica di Imola e presso l’Accademia Chigiana di Siena, alla scuola di Maestri quali Alexander Lonquich, Michele Campanella e Pier Narciso Masi, fino all’incontro con Sergio Fiorentino che segna la maturazione del suo percorso di formazione artistica. Premiato in numerosi concorsi pianistici (tra i quali “Città di Genova 1990”, “Città di Albenga 1993”, “Città di Pisa 1996”) si dedica, tra l’altro, alla promozione e alla divulgazione della musica contemporanea. In questo ambito, in duo pianistico a due pianoforti, viene chiamato a partecipare nel 2006 alle celebrazioni per il centenario della nascita di Dmitri  Schostakovic promosse dal Conservatorio “F.A. Bonporti” di Trento e successivamente, nel 2012, alla quindicesima edizione di “Mondi Sonori: festival di musiche del 900 e contemporanee”. Nel 2015 esegue, in duo soprano-pianoforte, un recital di musiche di Giacinto Scelsi e Vieri Tosatti presso l’Istituto centrale per i beni sonori e audiovisivi di Roma, nell’ambito del Convegno Internazionale di Studi “Musica e tecnologia negli anni Cinquanta: la creatività integrata di Giacinto Scelsi e Vieri Tosatti” promosso dalla Fondazione Isabella Scelsi di Roma. Dal 2007, anno in cui viene realizzato il Progetto Conchita, collabora stabilmente con il Centro Internazionale di Studi “Riccardo Zandonai”; in qualità di pianista concertatore, contribuisce alla riscoperta e al riallestimento delle opere Melenis (Rovereto, Sala Filarmonica 2010) e Il grillo del focolare (Rovereto, Sala Filarmonica 2012). Nel 2014, ancora in duo soprano e pianoforte, si esibisce presso il Teatro dell’Istituto italiano di Cultura di Marsiglia, in occasione del 90° dalla morte di Giacomo Puccini, mentre nel 2017 prende parte, in rappresentanza dell’Italia, alla rassegna internazionale “Octobre musical de Carthage” patrocinata dall’Istituto Italiano di Cultura di Tunisi. Sempre in rappresentanza della cultura italiana, si esibisce nel 2018 ad Hanoi in Vietnam, presso l’Antica Cittadella Imperiale, sotto l’egida del Ministero degli Esteri italiano, in occasione delle celebrazioni dei 45 anni dall’avvio dei rapporti diplomatici fra Italia e Vietnam. Le sue attività di organizzatore di eventi culturali e di promotore della cultura musicale, lo portano a collaborare con realtà artistiche quali l’Accademia Nazionale di St. Cecilia di Roma, l’Accademia Internazionale della Musica di Milano,  la Fondacion del Estado para el Sistema Nacional de las Orquestas Juveniles e Infantiles de Venezuela, l’University of New Mexico, la Boston University e gli valgono nel 2005 il titolo di Accademico conferitogli dall’Accademia Tiberina di Roma. Ha presieduto e fatto parte di giurie di concorsi musicali nazionali e internazionali, tra i quali il Concorso Internazionale di Composizione “2 Agosto” di Bologna.