Luders Philipp – pianoforte

Luders PhilippPIANOFORTE – Venerdì
Per informazioni rivolgersi alla segreteria

CURRICULUM

Le idee che animano la proposta didattica del prof. Luders si focalizzano su molteplici aspetti: oltre a una solida padronanza tecnica nell’approccio alla tastiera, si cercherà di fornire all’allievo una profonda consapevolezza musicale, alimentata dalla capacità di ascoltare la musica con curiosità, cultura e passione. Lo si aiuterà inoltre a possedere un buon equilibrio psicologico in modo da permettergli di superare le eventuali insicurezze che lo studio del pianoforte può suscitare.
Il percorso di apprendimento con il docente sarà estremamente personalizzato, volto a evidenziare le peculiari attitudini e potenzialità insite in ciascun individuo, correlandole alle rispettive aspirazioni e desideri, inquadrando il tutto in una crescita non solo tecnica ma a 360 gradi, consapevole, solida e appagante.

Nato in Germania, Philipp Luders ha compiuto gli studi musicali in Italia diplomandosi brillantemente, presso il Conservatorio “G.Verdi” di Torino, in pianoforte sotto la guida del M° Oscar Alessi e in composizione con Bruno Cerchio e Gilberto Bosco, conseguendo successivamente il diploma accademico di II livello con il massimo dei voti.
Ha studiato con numerosi docenti di fama internazionale tra i quali Leslie Howard e Remo Remoli, perfezionandosi stabilmente con il M° Bruno Mezzena con il quale ha conseguito con il massimo dei voti sia il diploma triennale internazionale di alto perfezionamento pianistico sia il diploma triennale di alto perfezionamento pianistico sulla musica del XX secolo, presso l’Accademia Musicale Pescarese, vincendo anche numerose borse di studio come migliore allievo.

Ha tenuto concerti in molte città italiane e paesi europei come solista, solista con l’orchestra e in formazioni cameristiche, esibendosi in prestigiose sale come la Holywell Music Room di Oxford (Regno Unito), considerata la più antica sala da concerti d’Europa. Ha effettuato diverse incisioni discografiche con svariate etichette in qualità di interprete e di compositore, realizzando importanti progetti quali ad esempio le musiche per la mostra Monet e i Luoghi della Pittura, tenutasi a Treviso nel 2001. Sue opere sono state eseguite e premiate in numerosi festival, rassegne e concorsi internazionali; ha collaborato anche in ambito cinematografico partecipando alla realizzazione di cortometraggi con musiche da lui composte che sono stati proiettati in rassegne internazionali.